Come evitare di essere un produttore “al verde”

Il musicista “al verde” viene spesso associato allo stereotipo dell’artista “affamato” e, sfortunatamente, per la maggior parte delle volte è vero.

Potresti vedere artisti con milioni e milioni di stream ed equipararli a milioni in banca, ma purtroppo non è sempre così. La verità è che molti artisti che consideri di successo sono in realtà “al verde”.

La differenza tra un musicista di alto livello e un musicista “al verde” si evidenzia sotto molti aspetti.

Come con la maggior parte delle industrie, l’industria musicale ha diversi livelli di successo.

I migliori artisti multimilionari rientrano nell’1% più ricco.

Ciononostante, anche questo 1% si sta riducendo e, in tutta onestà, il tuo musicista preferito probabilmente non guadagna tanto quanto potresti pensare. Un sacco di musicisti di alto livello ottengono solo pochi centesimi rispetto al valore che effettivamente valgono.

Per mettere questo in prospettiva, solo circa 7.500 artisti su Spotify portano un reddito annuo di streaming di € 85.000, su 8 milioni.

Diamo un’occhiata ai motivi per cui un produttore rischia di finire “al verde”.

Motivo 1: accordi che danneggiano i musicisti

Questo è probabilmente uno dei motivi principali per cui il tuo artista preferito non guadagna quanto pensi.

Gli artisti che raggiungono rapidamente il successo possono trovarsi nella situazione in cui un’etichetta discografica o un manager propone loro di firmare un accordo. Questi accordi, però, prevedono che tali enti, poiché investono sulla persona in quanto artista, si prendano una bella fetta di tutti i guadagni (entrate in streaming, merce e biglietti live).

Sono stati firmati degli accordi incredibilmente pessimi poiché manager o etichette offrono un anticipo molto allettante.

Riusciresti a rifiutare quel tipo di offerta? Soprattutto all’inizio della tua carriera?

È probabile che questi artisti non abbiano mai visto prima una simile somma e firmino l’accordo senza leggere il contratto o dedicare molta attenzione al futuro: si limitano a prendere il grosso piatto di denaro.

Questo è successo alle TLC (gruppo musicale femminile statunitense di Hip hop/R&B).

Potresti pensare che, dopo aver venduto 10 milioni di dischi, le TLC sarebbero diventate automaticamente milionarie, ma, in realtà, nel punto più alto della loro carriera, guadagnavano meno di $ 35.000 all’anno ciascuna. Se si pensa ai 10 milioni di album venduti, i conti non tornano, vero?

Ecco cosa è successo: le TLC avevano firmato accordi sia con un manager che con un’etichetta discografica, con la conseguenza che i loro guadagni erano notevolmente diminuiti da entrambe le parti.

Questo accadeva agli artisti di tutto il mondo, ed è qualcosa a cui è bene prestare attenzione ancora ad oggi.

Motivo 2: fare affidamento solo sulle entrate dello streaming

Gli artisti tendono a fare troppo affidamento sui flussi e, di conseguenza, nell’era digitale di oggi, non guadagnano molti soldi.

Non fraintendiamoci, le piattaforme di streaming sono fantastici strumenti di esposizione, in quanto consentono ai musicisti di raggiungere un pubblico più ampio ad ogni livello.

Alcuni di noi potrebbero ricordare di aver acquistato copie fisiche di album nei negozi di dischi, solitamente ad un prezzo intorno ai £ 10; purtroppo, però, questo non equivale alle piattaforme di streaming.

Se guardi le classifiche ufficiali nel Regno Unito, 150 stream di un album equivalgono ad una vendita. Questo evidenzia quanto siano diversi!

Analizziamo i fatti …

Un flusso equivale a € 0,004.

Un milione di stream corrisponde circa a € 4000.

Sembrerebbero un sacco di soldi, ma, se prendi in considerazione chi potrebbe condividere quella fetta di guadagno con te (l’etichetta, il manager, il produttore, il cantautore e potenzialmente altri artisti presenti nella traccia), i profitti potrebbero diminuire molto rapidamente.

A prescindere da ciò tieni presente che un milione di stream non è un’impresa facile da raggiungere!

Concentrarsi e fare affidamento sui flussi non è la strada giusta per ottenere un reddito artistico stabile.

Motivo 3: gli artisti sono “al verde” perché non pubblicano abbastanza musica

Molti dei tuoi artisti preferiti semplicemente non pubblicano abbastanza musica per fare guadagni significativi.

Il fatto è che l’industria musicale è troppo saturata.

Ogni giorno vengono caricate 40.000 tracce su Spotify. Ci sono milioni di canzoni sulla piattaforma che non hanno nemmeno sincronizzato uno stream. Quindi, se un artista sceglie di pubblicare solo una volta all’anno, semplicemente non può aspettarsi di fare soldi seri.

In questo modo non solo non riceverà abbastanza stream, ma non sarà nemmeno in grado di coinvolgere abbastanza i suoi fan in modo da continuare ad avere il loro supporto.

L’industria musicale è cambiata. A causa dell’era digitale, c’è infinitamente più concorrenza e avere così tanta musica tra cui scegliere significa che i superfan sono ancor più difficili da proteggere. Quando gli artisti dovevano pagare per creare e distribuire musica fisica, c’era un numero limitato di band con superfan in grado di acquistare ogni pubblicazione, album, merce e andare ad ogni concerto.

Come NON diventare un musicista al verde

Prima che tutto ciò diventi troppo deprimente, riassumiamo come puoi evitare questo tipo di situazione:

# 1 Concentrati sull’ottenere superfan

Mantieni le persone interessate il più a lungo possibile con coerenza, nuove uscite, nuovi contenuti, suonando dal vivo, in pratica dando al tuo pubblico tutto ciò che puoi. Solo allora ti seguiranno.

# 2 Leggi sempre bene il contratto prima di firmare

Che si tratti di un accordo con un’etichetta discografica o un manager, chiedi a un avvocato, un amico o un altro paio di occhi di leggerlo con te. Assicurati che sia un accordo equo e di sapere esattamente cosa significa, o addirittura se è il miglior contratto che potresti ottenere.

Ricorda, anche se l’avanzata è incredibile, procedi con cautela.

# 3 Non essere l’artista che firma troppo presto

Quando ti concentri sulla creazione di una solida base di fan che ti seguono (ascoltando la tua musica e venendo ai tuoi spettacoli), un’etichetta potrebbe volerti più di quanto lo voglia tu. Questo è il momento in cui vengono fatti i migliori affari.

Diventa una situazione più vantaggiosa per tutti, in quanto l’etichetta sa che sta facendo un buon affare investendo su di te ed è pronta a ridimensionare la fetta pretesa sui tuoi guadagni.

# 4 Evita di andare in rovina moltiplicando i tuoi flussi di reddito

Non fare affidamento solo sulle piattaforme di streaming, anche se stai ricevendo milioni di flussi! Alcuni degli artisti più importanti del mondo lo fanno, ma non è ancora abbastanza per rendere quel reddito stabile.

Valuta altri modi con cui puoi guadagnare denaro nell’industria musicale, come: vendere merce, suonare dal vivo, assicurarti un contratto di sponsorizzazione (in particolare i marchi di abbigliamento) o persino l’inserimento di prodotti.

Il posizionamento del prodotto era abbastanza comune nei film, in cui i marchi pagavano per avere attori che usassero i loro prodotti sul set.

Ora questo metodo sta diventando sempre più popolare, soprattutto nei video musicali, e può far guadagnare agli artisti molti soldi.

I Chemical Brothers hanno fatto un intero video con F1, mentre in un video di Little Mix, hanno messo “casualmente” delle cuffie Beats in una piccola scena e non c’è dubbio che siano stati pagati per farlo.

Non essere un musicista “al verde”! Sii vincente!!

L’industria musicale offre molte opportunità, specialmente quando hai un pubblico di dimensioni modeste, quindi ricorda: non rimanere bloccato nel perseguire flussi e non affrettarti a firmare accordi senza un’attenta considerazione.

Articoli correlati

Hai delle domande?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup